Seleziona una pagina

In questi giorni (4-5-6 novembre 2009) si sta svolgendo a Orvieto l'”Open Office Conference 2009“, l’annuale conferenza degli sviluppatori di Open Office, la suite di software per ufficio liberamente scaricabile da internet, di fatto il primario concorrente del famoso pacchetto Office di casa Microsoft.

Quello che segue è l’esilarante comunicato stampa della Provincia di Terni, che non l’azzecca nemmeno una, a partire dalle location che sono ben altre.

Se avete una conoscenza anche superficiale di OpenOffice non avrete difficoltà a capire la sfilza di castronerie che sono riusciti a infilare nel comunicato. Se siete all’oscuro di tutto vi basti sapere che il comunicato, praticamente, è privo di ogni significato.

Buona (divertita) lettura.

 

OPEN OFFICE / In svolgimento a Orvieto l’iniziativa sui nuovi software liberi per avvicinare aziende e pubblica amministrazione
200 esperti del settore di numerose multinazionali a confronto in questi giorni sulle frontiere dell’open source insieme a Regione e Province di Terni e Perugia.
———————————–
(PTN/MC) – TERNI – Prosegue a Orvieto, nei locali del Chiostro di San Giovanni, del Centro studi, della Fondazione Cro e del Palazzo del Gusto, l'”Open office conference 2009″, iniziativa patrocinata da Regione Umbria e Province di Terni e Perugia e dedicata ai nuovi software liberi. L’iniziativa riservata alle più importanti multinazionali mette a confronto oltre 200 fra esperti e tecnici del settore informatico che si confrontano sull’innovazione riguardante l’accesso in open source e il rapporto fra aziende e pubblica amministrazione. L’obiettivo dell'”Open office conference” è quello di accorciare le distanze fra aziende e d enti pubblici mettendo a disposizione dati e informazioni decodificabili in tempo reale grazie a sistemi leggibili da tutti e determinando risparmi di tempi e risorse. Domani pomeriggio alle 16.30 al Centro studi è in programma un tavolo interistituzionale al quale parteciperanno i rappresentanti delle multinazionali e delle istituzioni regionali, provinciali e locali. Alle 19,00 al Palazzo del Gusto è invece prevista una cena a base di eccellenze enogastronomiche di tutto il territorio provinciale.  

 

]]>